Usando il nostro sito web, accetti la nostra Cookies e Privacy policy.
Usando il nostro sito web, accetti la nostra Cookies e Privacy policy.
Tel. +39.347.4834149 milano@accademiaitalianachef.com Via Adelaide Bono Cairoli n° 30 | MILANO Lun-Ven: 09:00 - 20:00

COME DIVENTARE CUOCO A MILANO

Un percorso affascinante per raggiungere i tuoi scopi e le tue passioni

 

Se hai pensato più volte di perfezionare le tue doti in cucina oppure di entrare nel campo della ristorazione con la mansione di cuoco, allora questo articolo potrebbe interessarti. Diventare cuoco significa accettare di svolgere un ruolo complesso, quanto stimolante; significa studiare, provare e impegnarsi con tenace costanza, elementi che contribuiranno senza dubbio all'ottenimento di grandi soddisfazioni.

 

Il cuoco è una di quelle professioni sempre richieste, in quanto trova campo in diverse tipologie di attività. Dai ristoranti, agli Hotel, passando per le Navi da Crociera...sono numerose le realtà che ogni giorno sono alla ricerca di figure professionali da inserire nella loro Brigata di Cucina.

Le qualità di un buon cuoco

Un abile cuoco possiede determinate caratteristiche personali e caratteriali, conoscenze specifiche e competenze specializzate.

Passione e Organizzazione: se la giusta dose di passione e amore per la cucina costituiscono una base assolutamente necessaria, il mestiere di cuoco richiede anche una grande capacità di organizzazione.
Per questo un buon cuoco deve essere un responsabile organizzatore di tempi e azioni in modo che l'intero lavoro in cucina proceda in maniera regolare e non conosca intoppi e problematiche varie.

Umilità: Un buon cuoco, specialmente all'inizio della sua carriera, deve avere la giusta dose di umiltà, in modo da poter assorbire il know how necessario dai professionisti più anziani e più formati.

Resistenza e Dedizione: I cuochi inoltre lavorano lunghe ore e spendono molte di quelle ore in piedi. Ci vuole quindi una certa resistenza e la giusta forza per fare il lavoro di un cuoco. Di contro la soddisfazione, la creatività e l’”economia” ripagano ampiamente le fatiche di un così meraviglioso lavoro. I cuochi lavorano in tutti i giorni di festa, domeniche comprese, e comunque in tutte quelle occasioni in cui i ristoranti lavorano di più.
Pazienza: La pazienza è sicuramente una delle virtù di un cuoco. I cibi possono richiedere una lunga preparazione, pertanto è bene mettere nel proprio lavoro tutta la passione e la pazienza necessarie, pazienza che verrà sicuramente ripagata con la buona riuscita del piatto.
Senso Estetico: Inoltre l'aspetto estetico è fondamentale nella presentazione di un piatto, molto spesso gli occhi assaporano il cibo prima del palato.

Le conoscenze necessarie

Per essere un buon cuoco, occorre una comprensione dei principi scientifici che stanno dietro al mestiere. Userete alimenti freschi, quindi deperibili e fragili, pertanto sarà necessario conoscere e comprendere la biologia e le metodologie con cui mantenere una corretta sicurezza alimentare. Sarà inoltre utile acquisire le basi della chimica per trattare, e combinare, in modo adeguato gli ingredienti. Avrete bisogno di una buona comprensione della nutrizione e della fisiologia umana. È inoltre necessario conoscere alcune basi di estetica alimentare per creare piatti visivamente accattivanti.

 

Abilità: Ci sono molte abilità che si acquisiscono nel percorso di formazione per diventare un cuoco. Come misurare correttamente, come mescolare, come cuocere: tempistiche e metodologie. Non solo. Dall'antipasto al dolce la strada della preparazione è lunga. E' evidente che un cuoco dovrà quindi acquisire anche la capacità di composizione dei menù in modo da saper creare un viaggio culinario coerente che porti il cliente ad un apprezzamento completo di tutto il pasto. L'apprendimento delle tecniche di preparazione dei cibi specifici sarà fondamentale, come pure sarà importante conoscere come rendere il cibo visivamente accattivante. Oltre a questo si deve anche imparare a gestire altre persone, e nel caso di voglia aprire un’attività in proprio, occorrerà impegnarsi anche per acquisire la capacità di gestione e di business.

Le mansioni di un cuoco e le possibilità di carriera

Un cuoco non è solamente una persona addetta alla preparazione e alla cottura dei cibi. E' un creativo in grado di progettare elaborare ed eseguire un menù e la filosofia di un locale.

E' possibile che tra le sue mansioni si ritrovino anche l'acquisto delle materie prime, e la conseguente scelta, la funzione di magazziniere della cambusa, la gestione dei propri aiutanti.

Nell'ambito della ristorazione indica un esperto del settore alimentare che lavora in ristoranti, alberghi, mense o altre aziende di catering e banqueting, dove in ognuna di queste attività può avere ruoli e mansioni specifiche. Un buon consiglio fin da subito se non lavorerete in proprio: chiedete e scrivete esattamente insieme al titolare, quali sono le vostre responsabilità.

Scuola-di-Cucina-a-Milano-gallery8

Un cuoco professionista, grazie alle sue conoscenze che spaziano dagli antipasti ai dolci, ha le carte in regola per evolversi e diventare uno Chef o un o Chef Pasticcere o creare il proprio locale di successo. E' quella che viene considerata come la base stabile per poi salire verso carriere di successo in molti ambiti lavorativi.

Scuola-di-Cucina-a-Milano-gallery9

L'arte di un Cuoco

Una professione che ha il pregio di essere sempre più richiesta e necessaria perchè le macchine non potranno mai sostituire la mano artistica e sapiente dell'uomo...
Il mestiere di cuoco è decisamente complesso e variegato.

Il cuoco è un artista che stupisce con le sue combinazioni di sapori, che sorprende con la preparazione dei piatti e la loro presentazione, creando un eccellente mix di colori, sapori e forme.

Opportunità di Formazione

Per diventare cuoco importante scegliere il giusto percorso formativo. Le cose più importanti da considerare nella scelta della propria scuola di formazione sono i  programmi formativi, la specializzazione degli insegnantila strumentazione idonea in fase di apprendimento e le opportunità di formazione lavoro.

I programmi:

Dovrebbero essere incentrati sul rendere la persona idonea a cucinare pressochè qualsiasi cosa. Avere le basi giuste è fondamentale per non rimanere spaesati da determinati cibi o preparazioni. Un programma base dovrebbe essere incentrato sull'acquisizione di tutti i Fondamentali.

Sarà l'esperienza pratica che specializzerà l'allievo nei singoli piatti. Troppi corsi o scuole specializzano il proprio programma formativo incentrandolo sull'elaborazione di un menù. Meglio scegliere percorsi che tracciano le colonne portanti di una reale cultura culinaria a 360°.

Gli insegnanti:

Dovrebbero essere cuochi e chef che hanno la formazione adeguata ed esperienza nel settore per insegnare ed essere dei veri mentori per gli aspiranti che si affacciano al mestiere. Spesso si dice che "chi sa fare fa e chi non sa fare insegna".

A volte questo detto ha le sue ragioni. Difficilmente uno chef od un cuoco che non opera, non rimane al passo con le evoluzioni dei gusti del mercato e delle tecniche. Suggeriamo quindi di affrontare un percorso formativo con insegnanti con professionalità riconosciuta e che siano attivi nel settore della ristorazione non solo come docenti.

Strumentazione idonea:

Si dovrebbe imparare a cucinare in una cucina professionale con attrezzature standard professionali di settore in modo da non ritrovarsi spaesati una volta introdotti in un vero ambiente lavorativo.

Opportunità di formazione lavoro:

Alcune considerazioni non secondarie sono da farsi sui tipi di esperienze pratiche disponibili una volta terminate le lezioni accademiche, la disponibilità di orari flessibili o part-time per gli stage, i servizi di supporto agli studenti e servizi di collocamento di carriera.

Difficilmente stare anni dentro ad una scuola forma la persona per entrare con successo nel reale ambiente lavorativo. Mesi di pratica con le basi giuste invece strutturano la persona e la mettono in contatto con le problematiche della cucina che poi dovrà affrontare in modo autonomo.

«E' normale nella nostra professione vedere quello che viene comunemente chiamato "Segreto Professionale".
Riteniamo che questo possa impedire il raggiungimento del successo da parte dell'allievo.
Siamo qui per riempire questa lacuna, perché crediamo che un corretto insegnamento di una grande cultura,
possa generarne una ancora più grande. »

 

COMITATO SCIENTIFICO AICI

Fare il primo passo, come diventare cuoco

L'Accademia Italiana Chef fornisce una valida opportunità formativa , concepita e sviluppata ad hoc per intraprendere la professione di cuoco a Milano. Potrai ottenere il diploma generalmente in meno di un anno di corso, comprendendo nella tempistica anche lo stage formativo, che dipende dalla disponibilità data per lo stage, ma che comunque rappresenta un'ottima opportunità per apprendere e farsi conoscere nel mondo del lavoro. L'intero percorso formativo è stato progettato con l'ausilio del Master Chef Simone Falcini, Presidente Regionale dell'Associazione Italiana Cuochi Professionisti.

Il corso è rivolto a tutti coloro che intendono imparare e/o approfondire le tecniche di cucina e di utilizzo di macchinari professionali attraverso un percorso estremamente pratico. Per ottenere il Diploma di Cuoco Professionista dell'Accademia Italiana Chef è necessario un adeguato impegno e motivazione finalizzati al raggiungimento degli obiettivi professionali previsti. Guidato dalla supervisione esperta dell'Executive Chef, potrai assimilare tutte le nozioni ed i segreti del mestiere cominciando così un'avvincente esperienza ed una pratica diretta. A tal proposito il Corso cuoco dell'Accademia Italiana Chef prevede uno stage ed inserimento formazione-lavoro di minimo 300 ore.

Guarda → come diventare cuoco e inizia subito la tua carriera iscrivendoti al prossimo CALENDARIO 

WordPress Theme built by Shufflehound. Tutti i Diritti sono Riservati | Accademia Italiana Chef, Via Maremmana II Tratto, Empoli (FI) | P. IVA 06394580481